Browsing "solidarietà"
Apr 11, 2013 - solidarietà    No Comments

Interesse e partecipazione alle giornate nazionali Uildm

 

gazebo Uildm Pesaro.jpg

La Uildm di Pesaro e Urbino ringrazia volontari e cittadini per il risultato delle recenti Giornate nazionali dell’associazione dedicate all’inclusione scolastica di studenti disabili:

 

anche a Pesaro, Fano e Urbino i banchetti dei volontari con le “Farfalle della solidarietà”  hanno raccolto 2500 euro

 

 

 

PESARO – Interesse, partecipazione e sensibilità hanno caratterizzato le Giornate nazionali della Uildm (Unione italiana lotta alla distrofia muscolare), svoltesi a fine marzo e dedicate quest’anno all’inclusione scolastica degli studenti con disabilità, con il titolo “Assente ingiustificato”, perché le barriere a scuola non hanno giustificazione. Anche questa nona edizione è stata all’insegna delle “Farfalle della solidarietà”:  grazie all’impegno dei volontari Uildm, in 500 piazze Italiane sono stati distribuiti 70.000 peluche con ovetti di cioccolato per raccogliere fondi, assieme a materiali sull’associazione e le malattie neuromuscolari.

 

In provincia, l’iniziativa è stata attivata a Fano, Pesaro, Urbino e Piobbico, in varie occasioni fino al weekend scorso, coinvolgendo una quindicina di volontari: in 500 si sono avvicinati ai banchetti e hanno voluto offrire il loro contributo alla raccolta, che ha raggiunto i 2500 euro.

 

Il Presidente della Sezione Uildm di Pesaro-Urbino Marco Di Battista ed il Coordinatore Bruno Premilcuore esprimono grande soddisfazione e apprezzamento per la risposta che le comunità di Pesaro, Urbino, Fano e Piobbico hanno riservato a questa manifestazione, e indirizzano un sentito grazie anche a tutti quei volontari – Avis  Pesaro, Csi Fano, Associazione “Dante Alighieri” Piobbico e Urbino – che con la Uildm si sono avvicendati ai gazebo.

 

A conclusione delle Giornate nazionali, parole di soddisfazione sono state espresse anche dal presidente nazionale Uildm Alberto Fontana: “Sono orgoglioso che a caratterizzare gli ultimi mesi del mio impegno come presidente dell’Associazione sia una battaglia civica e di civiltà, di cui beneficeranno anche studenti con patologie e disabilità diverse, volta ad abbattere le barriere a scuola”.

 

Si chiama, non a caso, “Assente ingiustificato” e riguarda potenzialmente quasi duecentomila studenti con disabilità: è la campagna sull’accesso e la qualità della vita di questi ultimi nelle scuole, promossa dalla Uildm, in stretta collaborazione con Cittadinanzattiva. Le attività, che si svilupperanno nel corso di tutto l’anno, prevedono entro il mese di maggio la conclusione del monitoraggio e nei mesi successivi lo studio e l’analisi delle situazioni riscontrate. Gli obiettivi concreti della Giornata Uildm 2013, quindi, ovvero l’abbattimento degli ostacoli e delle barriere che impediscono una regolare frequenza scolastica, attraverso il finanziamento di interventi e modifiche strutturali agli edifici e l’acquisto di sussidi didattici, verranno realizzati dopo l’estate.

 

Monica Cerioni Uff. stampa CSV Marche (Centro Servizi per il Volontariato) sportello di Pesaro

Apr 7, 2013 - solidarietà    No Comments

Giornata nazionale disabilità intellettiva e/o relazionale

  

Domenica 7 aprile l’Anffas torna nelle principali piazze italiane per sensibilizzare sui temi della disabilità ed offrire piantine di rose per raccogliere fondi a sostegno delle sue attività:

a Pesaro volontari presenti dalle ore 9,30 in piazzale Collenuccio

 

PESARO – Domenica 7 aprile torna, per il sesto anno consecutivo, l’appuntamento nelle principali piazze italiane con “Anffas in Piazza – VI Giornata Nazionale della disabilità intellettiva e/o relazionale”, la manifestazione nazionale volta a sensibilizzare ed informare i cittadini sui temi della disabilità intellettiva e/o relazionale. Anche quest’anno dunque, le oltre 200 strutture associative Anffas saranno presenti nelle maggiori piazze italiane per distribuire materiale informativo e formativo per le persone con disabilità, per i loro genitori e familiari, per gli operatori del settore, le istituzioni e per la generalità dei cittadini.

A Pesaro  l’Anffas  sarà in Piazzale Collenuccio  dalle ore 9,30 con alcuni volontari per presentare materiale informativo e raccogliere fondi attraverso l’offerta di piantine di rose.

L’iniziativa, come le tante altre attività di Anffas onlus, si pone l’obiettivo di diffondere una nuova cultura e un nuovo approccio alla disabilità, focalizzati sui diritti delle persone con disabilità e sull’importanza di un loro coinvolgimento diretto ed attivo nella comunità, in particolare per quelle con disabilità intellettiva e/o relazionale, troppo spesso vittime di pregiudizi e discriminazioni in numerosi ambiti della società. In tal senso, “Anffas in Piazza” vuole essere un manifesto di quanto espresso dalla Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità, divenuta legge in Italia nel 2009 e purtroppo ancora oggi non sempre conosciuta e rispettata.

Info: Anffas  Pesaro  329 0843771     www.anffas.net

CSV Marche, ufficio stampa di Pesaro

Dic 14, 2012 - solidarietà    No Comments

IL MIO DONO, LA RETE DELLA SOLIDARIETA’ DI UNICREDIT

 

Per partecipare all’iniziativa di Unicredit per sostenere le Organizzazioni Non Profit basta inserire la propria preferenza:

          Entrare nella pagina www.ilmiodono.it

          Sulla destra c’è un disegno di una mano che tiene una specie di carta di credito con vicino un pacco regalo, sotto c’è una scritta in maiuscolo “UN VOTO, 100.000 AIUTI CONCRETI”: Richiedi online il codice e partecipa con il tuo voto UniCredit vuole donare 100.000 al Non Profit. Bisogna cliccare sulla scritta subito sotto “SCOPRI COME”.

          Si apre una nuova pagina dove richiede di inserire il proprio nome, cognome ed e-mail, bisogna flaggare le Informative sulla Privacy e poi cliccare INVIA I TUOI DATI.

          Si riceverà un’ email con un codice da inserire sempre all’interno del sito www.ilmiodono.it ricercando l’iniziativa con il nome IOPRA

 

IOPRA ONLUS

 

Nov 30, 2012 - solidarietà    No Comments

Vicini ai malati di Alzheimer perché nessuno resti solo

 

A Borgo S.Maria incontro pubblico per parlare degli ottimi risultati del progetto “Buongiorno insieme”

 

PESARO – Venerdì 30 novembre, alle 11, nella sede Auser di Borgo S.Maria, in un  incontro pubblico, si “festeggiano” i buoni  risultati ottenuti, dopo tre mesi dall’inizio dal progetto “Buongiorno insieme”, dedicato ai malati di Alzhemier e  alle loro famiglie.

L’iniziativa organizzata dall’Auser di Borgo S.Maria  e dai volontari dell’Aima  ha visto la partecipazione di molte persone affette da questo morbo.

“A tre mesi di distanza siamo davvero molto contenti della nostra iniziativa che naturalmente proseguirà – dice Enzo Malerba presidente del circolo Auser di Borgo S.Maria -. Sappiamo che molti malati oggi stanno meglio grazie agli incontri dove vengono stimolati con varie tecniche, grazie alla collaborazione degli  psicologi dell’Aima, a migliorare il loro stato fisico e cognitivo.

 “Il nostro progetto – aggiunge Ezio Malerba – nasce dalla consapevolezza che le strutture sanitarie non sono assolutamente sufficienti per le persone affette da questo grave morbo che spesso è causa di logoramento anche dei rapporti familiari, specie per quelle fasce più deboli che non possono permettersi un’assistenza privata. Quindi abbiamo deciso di fare qualcosa  che ci sta dando molta soddisfazione”.

All’incontro saranno presenti i volontari dell’Aima, i pazienti e le loro famiglie.

Ott 18, 2012 - solidarietà    No Comments

Una cena di beneficenza per Abba Marcello Signoretti e un viaggio in Etiopia

 

Organizzata dalla “Onlus” Villaggio dei Ragazzi Sorridenti di Pesaro, la cena si terrà il 9 novembre a Villa Cattani Stuart di Trebbiantico, mentre il viaggio in Etiopia è previsto dal 19 novembre all’1 dicembre

 

 

 

PESARO – Marcello Signoretti, dopo un breve periodo di riposo trascorso in Italia,  è tornato in Etiopia, per continuare la sua missione. Da Soddo, Abba Marcello ha inviato alla fine di settembre il suo ringraziamento per iscritto ai tanti benefattori che lo hanno aiutato. Inoltre, ha elencato le opere che ha in mente di realizzare e che consistono in:

 

1-Un ponte a Wondo Bisare, urgentissimo, perché con la stagione delle grandi piogge (che dura quasi sempre 6 mesi), il fiume si ingrossa e prende con sé ogni anno tanti capi di bestiame e anche vittime umane.

 

2-Due scuole per il villaggio di Hello Herasho e Innafe Bisare.

 

3-Due dormitori per i ciechi di Soddo.

 

4-Due Health Center (piccole cliniche), ma per questo ho già la copertura economica.

 

5- Letti a castello in ferro per 1700 carcerati di Soddo.

 

Abba Marcello sta portando avanti questi progetti con fatica ma anche con speranza, con la sua pensione e con l’aiuto di alcuni suoi amici e fa sapere: “Se qualcuno volesse o potesse contribuire in qualsiasi maniera e con qualsiasi cifra, parteciperebbe a una grande e nobile opera di solidarietà e di umanità. Conosco le varie difficoltà che il popolo italiano sta attraversando, causa la grande crisi economica. Ma io voglio sperare che l’obolo della vedova non ci verrà mai a mancare”.

 

Per aiutarlo e realizzare quanto sopra, la “Onlus” Villaggio dei Ragazzi Sorridenti di Pesaro organizza il 9 novembre (venerdì sera) una cena di beneficenza a Villa Cattani Stuart di Trebbiantico e invita i cittadini, pesaresi e non, a partecipare a queste iniziative, per dimostrare di essere partecipi e sensibili verso chi soffre anche lontano da qui.

 

La cena con inizio alle 20,30, sarà caratterizzata da un ricco menù (il costo previsto è di 35 euro) e vedrà la partecipazione di personalità cittadine e di personaggi personaggi dello sport.

 

Dal 19 novembre all’1 dicembre, inoltre, sarà organizzato anche un viaggio in Etiopia. La spesa complessiva (viaggio e soggiorno nei luoghi di Abba e Marcello).

 

Per informazioni e per prenotazioni relative sia alla cena che al viaggio, è possibile rivolgersi al signor Rolando Ferri, cell. 3683423985.

 

Rosalba Angiuli


LA LETTERA DI MARCELLO SIGNORETTI

Carissimi amici,

dopo un piccolo periodo in Italia dai miei famigliari, sono tornato in Etiopia . In Italia ho visitato tanti benefattori e ho parlato con tanti amici della Missione.

Ringrazio tutti, perché dove sono andato ho trovato tanta corrispondenza anche se in maniera ridotta per la grave crisi in atto.

Da parecchie parti mi è stato chiesto di inviare una lista di priorità.

Cioè una lista di progetti che porto avanti e la cui realizzazione è urgente e improrogabile.

Io vi elenco alcuni progetti, che sto portando avanti con fatica ma anche con speranza, con la mia pensione e con l’aiuto di alcuni miei amici.

Se qualcuno volesse o potesse contribuire in qualsiasi maniera e con qualsiasi cifra, parteciperebbe a una grande e nobile opera di solidarietà e di umanità.

Conosco le varie difficoltà che il popolo italiano sta attraversando, causa la grande crisi economica.

Ma io voglio sperare che l’obolo della vedova non ci verrà mai a mancare.

Auguro a tutti un buon lavoro e che Dio vi illumini.

Con stima e gratitudine.

Abba Marcello

Soddo 20/09/2012

 

OPERE DA REALIZZARE

1-Un ponte a Wondo Bisare, urgentissimo, perché con la stagione delle grandi piogge (che dura quasi sempre 6 mesi), il fiume si ingrossa e prende con sé ogni anno tanti capi di bestiame e anche vittime umane. Non è neppure un mese che un bambino è stato portato via dalla corrente. Questo ponte sarebbe utilissimo anche perché collega 4 grandi Woreda e per il movimento di tanta gente (mercato, mulino, chiesa, scuola, funerali, ecc.).

Costo del progetto 700.000 Birr = 32.000 Euro circa….Ho già in mano 6.000 Euro (bontà del cuore pesarese).

2-Due scuole per il villaggio di Hello Herasho e Innafe Bisare 200.000 Birr = 32.000 Euro circa ciascuna.

3-Sto anche costruendo due dormitori per i ciechi di Soddo. 180.000 Birr l’uno, equivalenti a circa 8.000 Euro.

Ho visto come vivono e dove vivono 110 bambini ciechi, tutti in tenera età (dai 6 ai 15 anni circa). Hanno delle scuole e dei dormitori fatiscenti. Costruzioni antiche fatte con la masonite. Tutte le scuole e le camere sono mangiate da tarli, da formiche, tanti buchi da tutte le parti. Sono ridotte realmente a delle catapecchie invivibili, ambienti dove noi ci vergogneremmo di tenere i nostri animali.

Ho deciso, e non posso più aspettare nell’aiutare questa sfortunata categoria, che dopo la disgrazia della perdita della vista deve anche subire questa umiliazione, continuare a vivere in questo degrado mortificante.

4-Sto costruendo due Health Center (piccole cliniche), ma per questo ho già la copertura economica.

5-Mi mancano circa 20.000 Euro ancora per completare il servizio che sto portando avanti per i carcerati di Soddo. Sono 1.7000, sto provvedendo per tutti dei letti a castello in ferro. Sono a buon punto. Il costo di ogni letto è di 3.200 Birr equivalenti a 150 Euro ciascuno.

Abba Marcello