Ott 13, 2014 - GIORNO E NOTTE    No Comments

Il brodetto dell’Officina delle Erbe

104-copiaPESARO – La novità davvero ghiotta è stata quella di oggi, domenica 12 ottobre. Per il secondo fine settimana Gabriele Alessandroni e Angela Azzi, che hanno vinto il bando del Comune di Pesaro per la gestione del luogo fino a gennaio e che già sono gestori del ristorante la Grotta di Barbarossa a Candelara, hanno scelto di offrire un brodetto, a base di pesci dell’Adriatico, da Guinness dei primati che sarà cucinato in un pentolone di due metri di diametro.

Si è trattato di uno street food di qualità con un piatto tradizionale amato da tutti che è diventato il protagonista del pranzo di domenica 12 ottobre alle Officine delle Erbe.

Il cibo è diventato vero e proprio spettacolo, infatti dalle 11 i gestori hanno preparato un brodetto in versione cibo di strada assieme a paccheri al sugo di pesce, in un pentolone di 2 metri di diametro, posizionato su un’area fuochi di tre metri per tre. Sono stati preparati e serviti oltre 100 brodetti e 15 kg di pasta (al costo di 18 euro a porzione: brodetto e piatto di pasta, bevande escluse, solo brodetto a 14 euro, solo la pasta a 6 euro). Importanti anche i quantitativi di materie prime utilizzati: 50 kg di pesce (coda di rospo, palombo, seppie, crostacei secondo la disponibilità del mercato, gallinelle o tracine); 5 litri di olio; 3 kg di conserva da sciogliere in 15 litri di brodo; ½ litro di aceto; 2-3 cipolle.
Per la preparazione del brodetto quattro le persone al lavoro: due alla pulitura e preparazione del pesce, due ai fuochi per controllare la fase di cottura. Alle 12:00, il Brodetto fumante ha iniziato ad essere servito ai tavoli fino alle ore 15,00.

Rosalba Angiuli

Il brodetto dell’Officina delle Erbeultima modifica: 2014-10-13T00:02:18+02:00da pesaro138
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento